Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Canaline di oggi

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

 

Una breve introduzione: canalina,

comprarla o farsela?

 

La batea (o piatto ecc) per cercatori d'oro non è certo il caso di costruirsela e conviene sicuramente comprarla sia per il suo modesto costo sia per la sua facilissima reperibilità. Anche con la canalina oggigiorno non ci sono problemi,

Canalina per cercare orovisto che con l'avvento di Internet si riesce a comprare un  po' di tutto e in un batter d'occhio, ma va precisato che (riguardo le canalette) la faccenda si fa un po' più complessa, non tanto per il trovarle, ma piuttosto per le loro svariate tipologie che il mercato propone e, cosa che non è da poco, il loro costo non sempre ... accessibilissimo.

Premesso questo, tramite l'elenco qui a lato potrete vedere anche svariate canaline costruite artigianalmente da semplici cercatori e consultando queste ultime, di conseguenza se lo volete avete la possibilità di cimentarvi per "costruirvi la vostra".

Già, perché no? In effetti e come si suol dire "al netto di tutto", per realizzare una canalina non occorre un granché sia per quanto concerne il materiale sia per la "destrezza" al lato pratico e, al tempo stesso, forse vi sembrerà strano, ma lo stesso discorso vale per una canalina che infine funzioni realmente bene.

Tenete però bene a mente che  ... se è vero che a conti fatti non ci vuole poi molto per fare una canaletta che funzioni bene, al tempo stesso è altrettanto vero che non ci vuole poi molto per fare una canaletta che invece non funzioni bene, e questo non lo dico di certo per scoraggiarvi, ma solo affinché agiate con cura durante la sua realizzazione. 

 

Batea per cercare oro

Nella foto, oro nativo trovato in un torrente in una giornata fortunatissima.

 

Qui sotto riporto a titolo indicativo parte di un dialogo su questo argomento, il quale risale a diversi anni fa (qui con con ulteriori note aggiunte per tenerlo aggiornato alla situazione odierna) e che mi sembra contenere, tra foto e testo descrittivi, già alcune informazioni importanti riguardo la realizzazione di una canalina; nozioni basilari utili a chi sia ancora in fase di apprendistato.

 

LA DOMANDA. << ... Per le scanalature della canaletta, invece che scavare una tavola spessa, non si potrebbero applicare listelli, che siano opportunamente sagomati, trasversalmente sopra un asse più sottile? ... "

LA RISPOSTA. << ... siccome sovente la canaletta si è costretti* ad auto-costruirsela. (...) eccomi con le misure: tieni però presente che si tratta di valori "giusti, ma non assoluti", nel senso che, come in tutti gli hobby, ognuno ha proprie preferenze ecc. La canaletta, per i grandi fiumi (Ticino, Elvo ecc) in quanto a misure una giusta via di mezzo tra le varie che ci sono in giro può essere 80/90cm. di lunghezza x 45 di larghezza, con scanalature prof. 1cm., larghe 4 e distanti 4 circa l'una dall'altra: l'ideale sarebbe che il lato a monte della scanalatura non sia verticale, ma che posi in modo leggermente rientrante rispetto alla linea di superficie, di modo che l'acqua crei una cascatella lasciando un piccolo spazio vuoto alle sue spalle, cosa che agevola ulteriormente il deposito e la stabilità del materiale che vi perviene (vedi schizzo per gentile concessione del dott. Giuseppe Pipino). 

Detta spigolatura controcorrente non è però indispensabile, è una questione di pregevole perfezionismo. Il lato a valle deve comunque essere verticale. Per i due bordi laterali, un'altezza 7 o 8 cm. (misurata dall'interno) è sufficiente. Per quanto riguarda la prima parte a monte della canaletta, quella che consiste nello spazio necessario per versavi il materiale ed è quindi un ripiano privo di scanalature,  30/35cm. circa vanno benissimo.

Oggigiorno per la realizzazione della canaletta si utilizzano materiali vari, quindi non necessariamente in legno, ma di plastica, oppure profilati metallici ecc. i quali di solito vanno benissimo (ricordandosi di sigillare bene tutte le fessurine con silicone o altro), e probabilmente è proprio per quest'ultimo motivo che l'angolo rientrante sopraccennato stia andando in disuso, visto che listelli metallici o simili "già pronti all'uso" reperibili ad es. dai ferramenta, di solito hanno spigoli semplicemente perpendicolari, ad angolo retto ... >>.

 

* Oggigiorno, come già detto, acquistando via Internet il problema non c'è più.

La foto sottostante mostra, dall'alto, lo scorcio dei primi tre gradini di una canaletta "in azione": si noti al proposito la disposizione dell'oro che vi si sta canaletta per cercare oro"via via" accumulando: la prima riga ne mostra una bella striscia, la seconda molto meno e la terza probabilmente quasi nulla (come è giusto che sia). Questa canaletta é stata realizzata incollando su un asse delle traversine di alluminio (per capirci, dei tubi con sezione quadrata). Naturalmente occorrerà rialzare in qualche modo anche la parte a monte della canaletta, quella cioè su cui si versa il materiale e portarla allo stesso livello della superficie dei gradini. Tenere infine presente che il ripiano da utilizzare come base della struttura é bene che abbia un colore che evidenzi  la presenza dell'oro (ad es. nero, verde o blu).

 

 

NOTA BENE. Nelle pag. del Sito dedicate alle batee  troverete la descrizione dei loro vari tipi, compresa la possibilità di realizzare in proprio i piatti concentratori,  mentre le schede che descrivono nel dettaglio come costruirsi vari formati di canalette sono qui a lato. Invece, per "attrezzi" che rimuovono la magnetite dalla batea vedere ad es. qui.

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

        

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.