Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: inserite le domande o argomenti aggiungendo un vostro post a quelli già presenti (aprirne l'elenco a sinistra) nella mia pag. Facebook: troverete in un paio di giorni una mia risposta e/o commenti di terzi. Potrete leggere anche i dialoghi di altri sull'oro. Invece, Per la Posta particolare, cioè dialoghi privati ed esclusivi da parte di giornalisti, enti o collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

la rendita

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

 

Bessa: quanto oro sarà stato raccolto in questa enorme miniera a cielo aperto?

Vi e da chiedersi a questo punto, quanto l'attività della miniera fosse redditizia. Le campionature fatte alcuni anni or sono nella discarica della Bessa hanno dato un massimo di 0,55 g/mc di oro ed il minimo riscontrato fu di 0,12 g/mc. Ciò posto, si deve presumere che il contenuto in oro della morena (dove, purtroppo, non si sono mai fatte ricerche in epoca recente) fosse decisamente maggiore e forse superiore ad 1 g/mc (oggi un contenuto di 0,2 g/mc in terreni alluvionali può essere abbondantemente redditizio). Con quest'ultima ipotesi e con quella dei trecentomila metri cubi all'anno di presunto materiale lavorato, si desume che i Salassi estraevano ogni anno almeno 300 chilogrammi d’oro. Non e facile sapere quale valore avesse a quei tempi un simile quantitativo d’oro, tuttavia è possibile farsene un’idea in seguito ad alcune considerazioni. Dalla Bibbia, (I° Libro dei Re,10-14) risulta che al tempo del re Salomone arrivavano annualmente a Gerusalemme 666 talenti d’oro; purtroppo il duplice valore, cioè in peso o moneta, che aveva allora il talento, lascia dubbiosi sul quantitativo dell'oro in questione ed il dubbio non è da poco perché se si considera il valore di 666 Talenti moneta il quantitativo d'oro che sarebbe giunto a Gerusalemme annualmente sarebbe stato, sia pur di poco, inferiore a 10 chilogrammi, mentre se si considera il valore di 666 Talenti peso il suddetto quantitativo d'oro sarebbe stato di 27.572 chilogrammi. L'ultima cifra è da considerarsi decisamente esorbitante per diversi motivi. L'altra cifra sembrerebbe invece piccola; però, se si pensa che nella descrizione degli ornamenti preziosi dei palazzi del grande re, il testo sacro (10-16; 10-17) elenca 200 grandi scudi fatti con lamine d'oro di 600 sicli ciascuno (kg 1380 complessivamente) e 300 piccoli scudi fatti con lamine d'oro di 3 mine (kg 621 complessivamente) e se si tiene conto che la costruzione del palazzi è durata 13 anni, si dovrebbe considerare più ·prossima alla realtà appunto la cifra più piccola. D'altronde il grande Faraone conquistatore Tutmosi III (XV sec. a.C.) ricevette in 19 anni di regno "solo" kg 2000 d'oro e Caio Plinio il Vecchio (Lib. XXXIII - Cap. V) riferisce che Roma per comprare la pace dai Galli che avevano preso la città non poté racimolare più di mille libbre d'oro (kg 273), anche se lo stesso Plinio dichiara di sapere che Marco Crasso aveva tolto dal seggio di Giove Capitolino duemila libbre d'oro ivi nascoste ·nel 390 a.C. da Camillo e che molti ritenevano che quella fosse la reale quantità d'oro offerta ai Galli. In ogni caso, il fatto che il popolo di Roma, che a quei tempi assommava a 152.573 uomini liberi, sia riuscito a mettere insieme, (pare tra l'altro grazie anche a offerte da parte degli stessi abitanti) soltanto 273 chilogrammi d'oro par liberarsi dai Galli è una prova di quanto valesse a quei tempi tale metallo nelle regioni italiane e di conseguenza quanta fosse la ricchezza di chi ogni anno riusciva ad estrarne una quantità alquanto più alta.

In sostanza, tornando alla Bessa ed all'oro estrattovi dai Salassi (e poi dai romani), tutte queste cifre rendono dunque più probabile che la resa annuale del contesto sia da calcolare in funzione della prima tesi (quella del termine talento inteso come moneta e non unità di peso), da cui ne deriva che nei vari secoli d'esercizio della miniera, sempre con l’ipotesi che il tenore dell'0ro fosse quello considerato di 1 g/mc, sarebbero state quindi estratte in totale oltre 120 tonnellate del metallo nobile, circa 500 volte quanto poteva dare ai Galli il popolo romano.

 

A quale scopo può essere stato utilizzato l'oro estratto della miniera dell’agro vercellese? Indubbiamente una parte non indifferente può essere stata utilizzata per l’acquisto delle travi e degli altri materiali che dovevano essere impiegati nella costruzione dei canali necessari a portare l'acqua della Dora nei bacini di carico soprastanti la miniera. Altro oro può essere servito all’acquisto degli utensili da lavoro quali picconi, badili e zappe. Altro ancora e stato necessario per procurare i mezzi di sostentamento degli operai e delle loro famiglie, nonché per acquistare oggetti di terracotta, di vetro o fusioni in bronzo. Tutto l’oro necessario per le suddette spese, pur passando dalle mani dei minatori a quelle degli agricoltori, dei pastori, degli allevatori, dei fabbri e degli artefici della terracotta, del vetro e del bronzo, è rimasto in Valle d’Aosta, oppure non e uscito da un’area racchiusa in un raggio di 30-35 chilometri da Vittimuli. E’ da presumersi infatti che parallelamente allo sviluppo della miniera d’oro vi sia stato anche quello delle miniere di ferro di Brosso e Traversella e che da dette miniere ( forse esercitate dagli stessi Salassi) venisse il minerale di ferro necessario per la fabbricazione degli utensili, anziché dalle lontane Etruria e Valcamonica. Da lontano venivano invece i tessuti, che, secondo Strabone, erano prodotti rispettivamente come segue: "quelli ruvidi per i vestiti da lavoro nella regione dei Liguri ed in quella degli Insubri, quellj mediocri per coperte, tappeti e stuoie a Padova e quelli fini, di lusso, a Modena".

Poiché il popolo dei Salassi era modesto e senza particolari ambizioni, non pare che possa aver destinato parte del proprio oro a fini militari e pertanto si deve pensare che, tolto quello speso nel modo suddetto e quello destinato a monile per le donne ed ornamento per gli uomini, una gran parte del metallo nobile sia stato tesaurizzato, conservato. I Romani confiscarono poi la miniera ed in un periodo di tempo di cui non si conosce la durata ma che probabilmente fu molto breve, la ridussero, sia pure anche per via dell’ostilità dei Salassi, in rovina, però almeno in un primo tempo, essendo occupati in questo, non depredarono quel popolo dell'oro precedentemente raccolto. Indubbiamente quando l'etnia dei Salassi fu ridotta in schiavitù, i dominatori non mancarono d'operarsi, per quanto possibile, nella confisca completa del metallo pregiato, ma è da presumersi che molto del metallo tesaurizzato fosse stato preventivamente portato, da coloro che sfuggirono alla cattura, nei rifugi sicuri delle valli senza transito per la Gallia.

Vedi pag. iniziale dell'argomento

Da un testo di Micheletti, qui adattato secondo le esigenze del Sito.

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: inserite domande o argomenti aggiungendo un nuovo post (ai vostri) nella pag. di Facebook: vi troverete in 3 giorni una mia risposta e/o commenti di terzi, oltre a potervi leggere tutte le discussioni sull'oro. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti) scrivetemi qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando del materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.